Pizza Margherita 

Pizza Margherita 


Pizza Margherita 
  • Porzioni: 4 persone
  • Tempo di Preparazione: 15 min +lievitazione
  • Difficoltà: Facile

La pizza margherita fatta in casa è diventata ormai un rito il sabato sera; preparo l’impasto verso l’ora di pranzo e la sera la condiamo tutti insieme, stile catena di montaggio ;-).

Prepararla è semplicissimo e occorrono pochi ingredienti ma che devono essere di ottima qualità per la riuscita di una pizza che non ci faccia rimpiangere quella della pizzeria.

E’ la regina delle pizze, preparata con il tradizionale morbido impasto a base di acqua, farina, olio, sale e lievito e condita con polpa di pomodoro o pelati e mozzarella o fior di latte, un filo d’olio d’oliva e qualche immancabile fogliolina di basilico fresco.

Io ormai utilizzo sempre questo impasto per fare qualsiasi tipologia di pizza, variando semplicemente la tipologia di farina; questa volta ho utilizzato farina di semola di grano duro adatta per pizze e focacce selezione casillo, ma ultimamente ho iniziato ad apprezzare anche l’impasto con farina di tipo 2 sempre della casillo o semplicemente dell farina integrale molto molto apprezzata dai miei due bimbi.

La pizza margherita contiene varie sostanze nutrienti: i carboidrati sotto forma di amido (nella farina), i lipidi vegetali dell’olio extravergine d’oliva e quelli animali della mozzarella di bufala o fior di latte, proteine animali. Pertanto la pizza viene classificata come un alimento completo, un piatto unico sano, genuino ed equilibrato adatto a tutti, grandi e piccini 😉

 

Ingredienti

Procedimento

  1. Per preparare un'ottima pizza margherita occorre seguire alcune regole di base, innanzitutto occorre preriscaldare bene il forno, che dovrà essere alla massima potenza.

  2. Mettete l'acqua, il lievito e il malto d'orzo in una ciotola, mescolate e fate sciogliere bene il lievito di birra. Unite anche l'olio d'oliva e mescolate. 

  3. In una impastatrice mettete farina, il sale e versate l'acqua con il lievito sciolto all'interno.

     

  4. Lavorate l'impasto a lungo, energicamente, fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico (se utilizzate la planetaria l'impasto dovrà incordarsi al gancio).

  5. Ora trasferite l'impasto in una ciotola alta, coprite con la pellicola (o un canovaccio pulito) e mettete a lievitare per almeno 3-4 ore o fino al raddoppio del volume, in un luogo tiepido riparato da correnti d'aria.

  6. Trascorso questo tempo, trasferite l'impasto su una spianatoia e formate 5 palle da circa 200 gr l'una e lasciatele lievitare nuovamente coperte e lontano da correnti di aria per altre 3 ore circa.

  7. Ora prendete i pomodori pelati o la salsa di pomodoro e conditela con un pochino di sale. Tritate finemente anche la mozzarella (o il fior di latte), lasciando scolare il siero in eccesso.

  8. Una volta che le palle saranno lievitate riprendetele ed una alla volta iniziate a stenderle. Schiacciatele con i polpastrelli partendo dal centro e man mano allargate l'impasto. Dovrete cercare di mantenere il bordo leggermente più spesso, per ricreare il classico cornicione della pizza. Poi sollevate la pizza e sistematela in una teglia leggermente unta.

  9. Distribuite sulla superficie della pizza il pomodoro e la mozzarella. Irrorate con un filo d'olio ed infornate in forno preriscaldato alla massima potenza (240-250°) per 15 minuti. Sfornate la pizza e servitela.

Potrebbero interessarti anche